Xbox Velocity Architecture ha spiegato: Diamo un’occhiata a ogni componente

L’Xbox Velocity Architecture è un sistema di architettura avanzato che consente di migliorare le prestazioni dei giochi su Xbox Series X e Series S. Questo sistema è composto da diversi componenti, ognuno dei quali svolge un ruolo importante nel migliorare l’esperienza di gioco complessiva. In questo articolo, esploreremo ogni componente dell’Xbox Velocity Architecture e scopriremo come ciascuno di essi contribuisce a creare un’esperienza di gioco più fluida e immersiva per i giocatori.

Guida completa all’attivazione di Dolby Vision su Xbox

Se sei un appassionato di giochi e film, probabilmente sei sempre alla ricerca della migliore esperienza di visualizzazione possibile. In questo articolo, ti mostreremo come attivare Dolby Vision su Xbox per avere un’esperienza di visione ancora più coinvolgente.

Xbox Velocity Architecture è stato progettato per migliorare l’esperienza di gioco su Xbox Series X e S. Questo componente si concentra sulla velocità, sulla potenza e sulla compatibilità. Tuttavia, per ottenere la migliore esperienza visiva, è necessario attivare Dolby Vision.

Cosa è Dolby Vision?

Dolby Vision è un formato di High Dynamic Range (HDR) che offre una gamma di colori e un contrasto più ampi rispetto all’HDR standard. Ciò significa che le immagini sono più vivaci, dettagliate e realistiche. Grazie a Dolby Vision, puoi goderti i tuoi giochi e film preferiti con una qualità visiva straordinaria.

Come attivare Dolby Vision su Xbox

Per attivare Dolby Vision su Xbox, devi seguire i seguenti passaggi:

1. Assicurati di avere un televisore compatibile con Dolby Vision. Puoi verificare la compatibilità visitando il sito web di Dolby Vision.

2. Accendi la tua Xbox Series X o S e vai alle impostazioni.

3. Seleziona “Schermo e suono”.

4. Seleziona “Opzioni di uscita video”.

5. Seleziona “Modalità video”.

6. Seleziona “Dolby Vision”.

7. Attiva la modalità “Consenti Dolby Vision”.

8. Verifica la compatibilità della tua TV con Dolby Vision.

9. Goditi i tuoi giochi e film preferiti con la qualità visiva straordinaria di Dolby Vision.

Conclusione

L’attivazione di Dolby Vision su Xbox è molto semplice e ti offrirà una qualità visiva straordinaria. Tuttavia, è importante assicurarsi di avere un televisore compatibile con Dolby Vision per ottenere i migliori risultati. Seguendo questi semplici passaggi, potrai goderti un’esperienza di visione coinvolgente e di alta qualità.

Xbox: Scopri quanti FPS supporta la tua console

Xbox Velocity Architecture è una delle novità più interessanti della Xbox Series X e S. Questa tecnologia è stata progettata per offrire prestazioni impressionanti, velocità di caricamento incredibili e miglioramenti grafici eccezionali. Ma cosa significa tutto questo per i giocatori?

Innanzitutto, significa che le nuove console Xbox supportano un numero incredibile di frame rate per secondo (FPS). In pratica, questo significa che i giochi saranno più fluidi e reattivi che mai, con una maggiore sensazione di immersione e un’esperienza di gioco più coinvolgente.

Ma quanti FPS può supportare la tua console Xbox? La risposta dipende da diversi fattori, tra cui il gioco che stai giocando e le impostazioni della tua console. Tuttavia, la Xbox Series X e S sono progettate per supportare fino a 120 FPS su giochi compatibili.

Questo è un enorme passo avanti rispetto alle console precedenti, che erano limitate a 60 FPS. Ma perché è così importante avere un framerate così elevato? In primo luogo, un framerate più elevato può migliorare la precisione e la reattività del gioco, il che è particolarmente importante in giochi competitivi come gli sparatutto in prima persona o i giochi sportivi.

In secondo luogo, un framerate più elevato può migliorare l’esperienza visiva del gioco, rendendolo più fluido e meno frustrante da guardare. Questo è particolarmente importante per i giochi con molti movimenti rapidi, come i giochi di corsa o di combattimento.

Con la loro capacità di supportare fino a 120 FPS, queste console ti offriranno un’esperienza di gioco senza precedenti.

La Xbox Velocity Architecture è una delle tecnologie più interessanti della Xbox Series X e S. Questa tecnologia è stata progettata per offrire prestazioni eccezionali, velocità di caricamento incredibili e miglioramenti grafici impressionanti. Con la Xbox Velocity Architecture, le nuove console Xbox supportano un numero incredibile di frame rate per secondo (FPS), il che significa che i giochi saranno più fluidi e reattivi che mai.

La Xbox Series X e S sono progettate per supportare fino a 120 FPS su giochi compatibili, il che rappresenta un enorme passo avanti rispetto alle console precedenti, che erano limitate a 60 FPS. Questo significa che l’esperienza di gioco sarà più fluida e meno frustrante da guardare, soprattutto per i giochi con molti movimenti rapidi come i giochi di corsa o di combattimento.

Un framerate più elevato può migliorare la precisione e la reattività del gioco, il che è particolarmente importante in giochi competitivi come gli sparatutto in prima persona o i giochi sportivi. Inoltre, un framerate più elevato può migliorare l’esperienza visiva del gioco, rendendolo più fluido e meno frustrante da guardare.

Con la loro capacità di supportare fino a 120 FPS, queste console ti offriranno un’esperienza di gioco senza precedenti.

Scopri la scheda video dell’Xbox: caratteristiche e prestazioni

La scheda video dell’Xbox è uno dei componenti chiave per offrire un’esperienza di gioco incredibile ai giocatori. Grazie alla tecnologia Xbox Velocity Architecture, la scheda video è in grado di offrire prestazioni eccezionali.

Caratteristiche della scheda video dell’Xbox

La scheda video dell’Xbox è basata sulla tecnologia AMD RDNA 2, che offre prestazioni di gioco eccezionali. Inoltre, la scheda video ha una potenza di calcolo di 12 teraflop e supporta la risoluzione 4K a 60 fotogrammi al secondo.

La scheda video dell’Xbox è dotata di 16 GB di memoria GDDR6, che offre una velocità di trasferimento dati incredibile. Questo consente ai giochi di caricarsi più velocemente e di offrire un’esperienza di gioco fluida e senza interruzioni.

Prestazioni della scheda video dell’Xbox

Grazie alla tecnologia Xbox Velocity Architecture, la scheda video dell’Xbox è in grado di offrire prestazioni eccezionali. La tecnologia di storage Velocity Architecture consente ai giochi di caricarsi più velocemente e di offrire un’esperienza di gioco fluida.

Inoltre, la scheda video dell’Xbox è in grado di supportare il ray tracing in tempo reale, che consente di creare effetti visivi incredibili nei giochi. Questo offre un’esperienza di gioco ancora più immersiva e realistica.

Conclusioni

Grazie alla tecnologia Xbox Velocity Architecture, la scheda video è in grado di offrire prestazioni eccezionali e di supportare il ray tracing in tempo reale.

Se sei un appassionato di giochi, non puoi perderti l’esperienza di gioco offerta dall’Xbox e dalla sua scheda video eccezionale.

Storia e curiosità sull’origine dell’Xbox: Scopri chi l’ha creato!

L’Xbox è una console di gioco creata da Microsoft, che è stata introdotta sul mercato nel 2001. La prima versione dell’Xbox ha venduto oltre 24 milioni di unità in tutto il mondo, ed è stata seguita da diverse versioni successive, tra cui l’Xbox 360 e l’Xbox One.

Ma chi ha creato l’Xbox? La risposta è che è stata una squadra di ingegneri e sviluppatori guidata da Seamus Blackley, un laureato in fisica che ha lavorato per diverse società di videogiochi prima di entrare in Microsoft.

Blackley e il suo team hanno iniziato a lavorare all’Xbox nel 1998, con l’obiettivo di creare una console di gioco che potesse competere con le altre console sul mercato, come la PlayStation 2 di Sony e la GameCube di Nintendo. L’Xbox doveva essere una console potente, in grado di eseguire giochi ad alta definizione e di collegarsi a Internet per offrire una vasta gamma di servizi online.

Per raggiungere questi obiettivi, Blackley e il suo team hanno sviluppato una serie di componenti hardware e software che hanno permesso all’Xbox di distinguersi dalle altre console sul mercato. Uno di questi componenti è l’Xbox Velocity Architecture, che è stato introdotto con l’Xbox Series X.

L’Xbox Velocity Architecture è un insieme di tecnologie hardware e software che lavorano insieme per offrire prestazioni di gioco superiori. Uno dei componenti chiave dell’architettura è l’SSD personalizzato, che consente di caricare i giochi più velocemente e di ridurre i tempi di caricamento.

Ma l’Xbox Velocity Architecture non si limita solo all’SSD. Ci sono anche altre tecnologie, come la decompressione hardware, che consente di elaborare i dati più rapidamente, e la DirectStorage API, che consente di accedere ai dati dell’SSD in modo più efficiente.

E tutto è iniziato con una squadra di ingegneri e sviluppatori guidata da Seamus Blackley.

Gli ingegneri sono intimamente familiari con il termine “architettura”, ma per il beneficio di coloro che non lo sono, è un portmanteau che descrive un insieme di caratteristiche, servizi o comportamenti di progettazione raggruppati insieme e dotati di un nome intrigante per scopi di marketing. E per coloro che non sono familiari con il termine “portmanteau”, descrive due o più parole fuse in una sola parola in modo che non abbia più l’impatto delle sue parole costituenti né l’ingegnosità di un gioco di parole.

L’emotiva engine, il sintetizzatore di realtà e l’architettura di velocità sono esempi principali associati alle console PS2, PS3 e Xbox Series rispettivamente e oggi daremo uno sguardo all’ultima. Rappresenta l’architettura di Microsoft una vera innovazione nel design delle console o è solo una scintilla di marketing che non significa nulla? Scopriamolo.

Microsoft descrive l’architettura di velocità come un modo per “sbloccare nuove capacità mai viste prima nello sviluppo delle console”. Questa è una dichiarazione di alto livello, quindi offrirò la mia interpretazione alternativa. Lo scopo dell’architettura di velocità è assicurarsi che il tuo gioco abbia sempre i migliori asset in memoria quando ne ha bisogno, con il minor impatto possibile sull’utilizzo delle risorse di sistema. Come chiunque abbia esperienza con lo sviluppo a basso livello può dirti, il processo di bilanciare l’utilizzo della memoria, della CPU, della GPU e delle I/O sarà il tuo compito più impegnativo e frustrante.

I due pilastri hardware dell’architettura di velocità

L’approccio di Microsoft per affrontare questa sfida nella Serie X e S si concentra su quattro aree molto logiche, due hardware e due software. E sono le sinergie sfruttate tra di loro che, secondo me, definiscono l’architettura di velocità. Senza ulteriori spiegazioni, iniziamo con la parte più fondamentale e quella che tutti capiscono: il meccanismo di archiviazione.

L’architettura di velocità, come realizzata nella Serie X e S, si basa su una soluzione nvme su misura in grado di raggiungere un rateo sostenuto di 2,4 gigabyte al secondo. Come hanno scelto di mantenere le frequenze fisse della CPU e della GPU, Microsoft ha deciso di concentrarsi sulla prestazione sostenuta e consistente invece dei picchi di prestazione teorici ma inconsistenti. La Serie X include un disco interno da un terabyte, di cui circa 802 gigabyte sono disponibili per i dati dell’utente, mentre lo smart delivery consente il download di contenuti su misura per ogni piattaforma Xbox, riducendo potenzialmente la dimensione totale dell’installazione su ognuna di esse. Questo spazio può e sarà consumato rapidamente dalla sempre crescente qualità e volume degli asset dei nuovi giochi. Per coloro che desiderano espandere la loro capacità, le console Serie hanno una porta di espansione su misura che può accogliere un nvme esterno, che si presume fornisca la stessa velocità di trasferimento iniziale osservata su digital foundry. Tuttavia, a mio parere, ciò comporta ancora un impatto minimo sulle prestazioni.

Ora, fin qui tutto bene, ma volevano fare un ulteriore passo avanti. A tal fine, hanno introdotto il secondo pilastro hardware dell’architettura di velocità: un blocco di decompressione hardware accelerato personalizzato. Questo componente permette la rapida decompressione su richiesta di dati compressi con lo standard lz e di texture compressi con un algoritmo senza perdita sviluppato da Microsoft chiamato bc pack. Poiché le texture di solito occupano la maggior parte dello spazio di un gioco, Microsoft ha dedicato anni di ricerca alla perfezionamento degli algoritmi di compressione a blocchi esistenti e, secondo quanto riportato dal settore, ciò ha portato a un rapporto di compressione di due a uno.

I due strati software dell’architettura di velocità

Questi due componenti hardware lavorano insieme per consentire il recupero dei dati archiviati a velocità accelerate e vengono utilizzati dai due strati software successivi per ottimizzare non solo il modo in cui, ma anche quali risorse vengono caricate.
Il primo componente software è la nuova API DirectStorage. Questa API, basata su DirectX, fa parte dell’architettura di velocità, ma sta facendo il suo ingresso in Windows 10 con l’obiettivo che anche i giocatori su PC, non solo i possessori di Xbox Series con unità nvme, possano godere di tempi di caricamento drasticamente ridotti e di un’esperienza di gioco più immersiva.

L’API va oltre per inviare rapidamente i dati al GPU anziché aspettare che l’applicazione lo faccia. Queste sono solo spiegazioni di alto livello, ma l’argomento merita ulteriori approfondimenti in futuro.

Infine, abbiamo il componente che richiede probabilmente maggiori spiegazioni: il Sampler Feedback Streaming (SFS). Ma per assicurarci di essere tutti sulla stessa pagina, spieghiamo prima cos’è un sampler. Un sampler è ciò che consente di ottenere i pixel o texel appropriati per il rasterizzatore quando si applica una texture su un poligono. Un’ulteriore cosa da capire è il concetto di mipmaps. I mipmaps sono una gerarchia che contiene la stessa texture a diverse risoluzioni. Il fatto che ne abbiate bisogno va oltre lo scopo di questo articolo e, di nuovo, è un argomento per un altro momento.

Tradizionalmente, i sampler sono stati abbastanza opachi nel loro funzionamento. Gli si danno alcune regole generali sulla selezione di mipmap e texel e ci si fida che faccia bene il suo lavoro. Ma se solo ci fosse un modo per ottenere un feedback dal sampler che dica non solo quali livelli di mipmap vengono utilizzati, ma anche quali parti di ogni livello di mipmap vengono realmente utilizzate. Se solo si potesse ottenere un feedback del sampler con questi dati utili, si potrebbe scegliere con saggezza quali parti di quali livelli di mipmap caricare e quando vengono utilizzate. L’uso oculato di questa conoscenza fornisce un vantaggio notevole quando si tratta di caricare in streaming gli asset.

Quindi, a pagina alta, abbiamo un meccanismo di archiviazione ad alta velocità in grado di decomprimere in tempo reale codice e dati caricati solo quando sono assolutamente necessari, utilizzando una coda parallela di comandi e dati integrata nel drive nvme che può essere messa in pipeline direttamente nel GPU. Questa, a grandi linee, è l’architettura di velocità: un sistema che fa progressi significativi nelle prestazioni e nelle possibilità. Combinata con altre funzionalità come lo shading a velocità variabile, l’effetto complessivo può essere molto emozionante.

Questo è stato un tracciato di alto livello dell’architettura di velocità della Serie Xbox. Che ne pensate delle innovazioni che introduce? Lo considerate un vero game changer? Fateci sapere nei commenti. Sentitevi liberi di porre domande o fare suggerimenti, se ne avete, e se vi è piaciuto questo articolo e vorreste vedere altri, considerate di mettere “mi piace”, iscrivervi al canale e attivare le notifiche. Sarebbe molto apprezzato e ci aiuta davvero tanto. Grazie per la visione.