Come modificare i legami chiave predefiniti nel terminale di Windows

Il terminale di Windows è uno strumento potente che consente di eseguire molte operazioni e comandi a livello di sistema. Tuttavia, ci sono alcuni legami chiave predefiniti che possono risultare scomodi o poco utili per alcuni utenti. In questa guida, vedremo come modificare questi legami chiave predefiniti nel terminale di Windows. Impareremo a sostituire i comandi predefiniti con quelli personalizzati e a creare nuovi legami chiave per eseguire rapidamente i comandi preferiti. Inoltre, vedremo come salvare le modifiche apportate ai legami chiave predefiniti in modo da poterle utilizzare in futuro. Questa guida è rivolta a coloro che vogliono personalizzare il loro ambiente di lavoro e migliorare la loro produttività utilizzando il terminale di Windows.

Guida rapida: Come aprire il terminale come amministratore

Se stai cercando di modificare i legami chiave predefiniti nel terminale di Windows, potresti dover aprire il terminale come amministratore. Ecco una guida rapida su come farlo:

  1. Passo 1: Clicca sul pulsante “Start” e cerca “cmd”.
  2. Passo 2: Fai clic con il tasto destro del mouse sul risultato della ricerca “cmd” e seleziona “Esegui come amministratore”.
  3. Passo 3: Se richiesto, fai clic su “Sì” per consentire l’esecuzione del prompt dei comandi come amministratore.
  4. Passo 4: Il prompt dei comandi verrà ora aperto come amministratore, consentendoti di modificare i legami chiave predefiniti del terminale di Windows.

È importante notare che aprire il terminale come amministratore può essere pericoloso se non si sa esattamente cosa si sta facendo. Assicurati di avere una comprensione completa delle modifiche che stai apportando prima di procedere.

Guida alla personalizzazione del Prompt dei comandi di Windows

Il Prompt dei comandi di Windows è uno strumento essenziale per gli utenti che lavorano con il sistema operativo Windows. Tuttavia, la maggior parte degli utenti non è a conoscenza delle opzioni di personalizzazione disponibili per il prompt dei comandi. In questo articolo, vedremo come personalizzare il prompt dei comandi di Windows.

Modificare i legami chiave predefiniti nel terminale di Windows

Quando si lavora con il Prompt dei comandi di Windows, è possibile utilizzare i tasti freccia per accedere alla cronologia dei comandi precedenti. Tuttavia, i legami chiave predefiniti non sono sempre comodi per tutti gli utenti. Fortunatamente, è possibile modificare i legami chiave predefiniti nel terminale di Windows.

Per modificare i legami chiave predefiniti nel terminale di Windows, aprire il Prompt dei comandi e fare clic su “Proprietà”. Selezionare l’opzione “Tasti di scelta rapida” e scegliere i tasti desiderati per accedere alla cronologia dei comandi precedenti.

Nota: Assicurarsi di scegliere i tasti che non vengono utilizzati da altre applicazioni.

Personalizzare il prompt dei comandi di Windows

Oltre a modificare i legami chiave predefiniti, è possibile personalizzare il prompt dei comandi di Windows con informazioni aggiuntive come la directory corrente, il nome del computer e altro ancora.

Per personalizzare il prompt dei comandi di Windows, aprire il Prompt dei comandi e fare clic su “Proprietà”. Selezionare l’opzione “Layout” e modificare il valore della casella “Lunghezza della finestra del prompt”. Questo valore determina la lunghezza massima del prompt dei comandi. Inoltre, è possibile aggiungere informazioni aggiuntive al prompt dei comandi utilizzando la variabile di ambiente “PROMPT”.

Per aggiungere informazioni aggiuntive al prompt dei comandi di Windows, digitare “prompt” seguito da una stringa di testo tra le virgolette. Ad esempio, digitare “prompt $P$G” per visualizzare la directory corrente e il simbolo del prompt. È possibile trovare una lista completa delle variabili di ambiente utilizzabili con il prompt dei comandi di Windows nella guida ufficiale di Microsoft.

Guida pratica: Come aprire il terminale su Windows in pochi passi

Aprire il terminale su Windows può sembrare un’operazione complicata per chi non ha mai utilizzato questo strumento. In realtà, con pochi passaggi è possibile accedere al terminale e iniziare a utilizzarlo per eseguire comandi, modificare i legami chiave predefiniti e molto altro.

Passo 1: Aprire il menu Start

Per aprire il menu Start di Windows, è sufficiente fare clic sull’icona a forma di bandierina presente nella barra delle applicazioni. In alternativa, è possibile utilizzare la combinazione di tasti Windows + S per accedere al menu di ricerca.

Passo 2: Digitare “terminale”

Nella barra di ricerca del menu Start, digitare la parola “terminale”. Verranno visualizzati i risultati della ricerca, tra cui l’applicazione “Prompt dei comandi”. Fare clic su questa applicazione per aprire il terminale.

Passo 3: Utilizzare il terminale

Una volta aperto il terminale, è possibile iniziare a utilizzarlo per eseguire comandi e modificare i legami chiave predefiniti. Ad esempio, digitando il comando cd seguito dal percorso della cartella desiderata, è possibile spostarsi tra le cartelle del computer.

Modificare i legami chiave predefiniti nel terminale di Windows

Per modificare i legami chiave predefiniti nel terminale di Windows, è necessario aprire il file default.ini presente nella cartella di installazione del terminale. Questa cartella si trova di solito in C:UsersNomeUtenteAppDataLocalPackagesMicrosoft.WindowsTerminal_8wekyb3d8bbweLocalState.

All’interno del file default.ini, è possibile modificare i legami chiave predefiniti per eseguire comandi specifici. Ad esempio, è possibile associare il tasto Ctrl + C al comando copy e il tasto Ctrl + V al comando paste.

Per salvare le modifiche apportate al file default.ini, è necessario chiudere e riaprire il terminale.

Seguendo questi semplici passaggi, è possibile aprire il terminale su Windows e modificare i legami chiave predefiniti per personalizzare l’esperienza di utilizzo.

Guida rapida: Aprire il terminale su Windows 11

Il terminale di Windows 11 è uno strumento essenziale per gli sviluppatori e gli esperti di informatica. Consente di accedere alla riga di comando, che è un modo potente per interagire con il sistema operativo e le applicazioni. In questa guida rapida, ti mostreremo come aprire il terminale su Windows 11.

Per aprire il terminale su Windows 11, segui questi semplici passaggi:

  1. Apri il menu Start.
  2. Cerca “Terminale” nella barra di ricerca.
  3. Fai clic sul risultato della ricerca “Terminale”.

Una volta fatto questo, il terminale si aprirà e sarai pronto per iniziare a lavorare sulla riga di comando.

È importante notare che ci sono diverse opzioni disponibili per personalizzare il terminale di Windows 11. Ad esempio, puoi modificare i legami chiave predefiniti per rendere più efficiente il tuo lavoro sulla riga di comando.

Per modificare i legami chiave predefiniti nel terminale di Windows, segui questi passaggi:

  1. Apri il terminale di Windows 11.
  2. Fai clic sull’icona delle impostazioni nella parte superiore della finestra del terminale.
  3. Seleziona la voce “Impostazioni”.
  4. Fai clic sulla scheda “Tasti” per visualizzare l’elenco dei legami chiave predefiniti.
  5. Per modificare un legame chiave, selezionalo e premi il tasto “Modifica”.
  6. Immetti il nuovo legame chiave e fai clic su “Salva”.

In questo modo, puoi personalizzare il terminale di Windows 11 per soddisfare le tue esigenze specifiche e aumentare la tua produttività sulla riga di comando.

Inoltre, è possibile personalizzare il terminale modificando i legami chiave predefiniti per adattarlo alle tue esigenze specifiche.

Ciao amici, sono Scott Hanselman e voglio parlare del terminale di Windows. Ho già fatto alcuni articolo su questo argomento, ma mi rendo conto che potrebbe non essere chiaro come configurare le impostazioni del terminale di Windows se lo hai installato e provato senza rimanere particolarmente impressionato. Questo può essere dovuto al fatto che non hai personalizzato a sufficienza le impostazioni. Quindi, diamo uno sguardo al mio desktop e ti mostrerò alcuni trucchi, specialmente se sei un appassionato del terminale.
Per prima cosa, digito “terminale” nel menu Start.
Voglio evidenziare un paio di cose: ho il terminale di Windows che ho ottenuto dallo store di Windows, e ho anche l’anteprima del terminale di Windows, che al momento della registrazione di questo articolo è la versione 1.1 mentre l’altra è la versione 1.2. Possiamo quindi avere entrambi affiancati, per vedere le nuove funzionalità cool che offre il terminale e testarlo rispetto a quello a cui siamo abituati. Potremmo dire che il primo è stabile mentre quello più recente è destinato a “muoversi velocemente e rompere le cose”.

Voglio anche mostrare questa posta sul blog di Kayla, la proprietaria del terminale di Windows, in cui dice che adesso è disponibile nello store di Microsoft. È un proprio SKU, qualcosa di separato nello store di Microsoft. Quindi, ecco il terminale e l’anteprima del terminale. Procurateli entrambi perché sono davvero fantastici. Kayla parla anche delle impostazioni, le quali sono memorizzate in un file JSON. Quando apro il terminale e faccio clic su Impostazioni, viene aperto questo file JSON che dovrebbe essere associato a Visual Studio Code. Raccomando Visual Studio Code come editor preferito per un motivo molto specifico: hanno aggiunto uno schema JSON proprio alla riga 9 del file settings.json. Questo offre il completamento automatico per le impostazioni e in futuro avranno una UI delle impostazioni, quindi non sarà necessario fare tutto questo. Nota come premendo solo il pulsante virgolette, vedo le scelte potenziali completate automaticamente.

Nel JSON, posso modificare le varie impostazioni, come i profili. Inoltre, posso personalizzare questa interfaccia del terminale, le icone e altro ancora. Ogni profilo può avere la propria immagine di sfondo, i propri font, ecc. Si hanno molta libertà. Le impostazioni sono memorizzate in una cartella localState, che può sembrare un po’ strana. Sotto i profili, puoi scegliere quale profilo sarà quello predefinito quando apri una nuova scheda. Parla anche di nascondere o mostrare i profili. Puoi nascondere i profili che non vuoi vedere nella lista a discesa. Hai pieno controllo su questo menu e puoi personalizzarlo come vuoi. Ogni profilo può avere anche la propria immagine di sfondo e font.

Le associazioni dei tasti sono un’altra sezione importante del terminale di Windows. Puoi definire i tuoi tasti di scelta rapida personalizzati o modificare quelli predefiniti. Ad esempio, il comando di copia e incolla può essere associato a qualsiasi combinazione di tasti. Il terminale offre molte possibilità di personalizzazione.

Se installi l’anteprima del terminale di Windows, ci sono ulteriori impostazioni disponibili come la modalità di attenzione, la modalità sempre in primo piano e gli effetti retrò. Ci sono anche funzionalità come la ricerca e la palette dei comandi, molto simile a quella di Visual Studio Code. Queste funzionalità possono essere personalizzate attraverso associazioni di tasti personalizzate.

Nel futuro, ci sarà una UI per le impostazioni del terminale di Windows, ma per ora è necessario modificare manualmente i file JSON. Ricorda di esplorare le associazioni dei tasti perché lì risiede il vero potere del terminale. Il terminale di Windows continua a migliorare, quindi assicurati di provarlo e personalizzarlo secondo le tue preferenze. Se ti piace il mio prompt colorato, puoi trovare un tutorial su come crearne uno simile nel mio blog. Grazie per aver guardato e se ti piacciono i miei articolo, puoi iscriverti al mio canale e condividerli con i tuoi amici. Ci vediamo presto!