Cosa c’è di nuovo in DirectX 11?

DirectX 11 è una delle ultime versioni della tecnologia di sviluppo di giochi e applicazioni grafiche di Microsoft. Rilasciata nel 2009, questa versione ha introdotto una serie di nuove funzionalità e miglioramenti rispetto alla sua precedente versione DirectX 10. In particolare, DirectX 11 ha introdotto il supporto per tessellazione, shader di geometria, effetti di profondità di campo, anti-aliasing migliorato e molto altro ancora. Queste funzionalità hanno permesso agli sviluppatori di creare giochi e applicazioni grafiche più avanzati e realistici, migliorando l’esperienza dell’utente. In questo articolo, esploreremo in dettaglio le nuove funzionalità di DirectX 11 e come queste hanno cambiato il mondo del gaming e dell’industria grafica.

Differenze tra DirectX 11 e 12: tutto ciò che devi sapere

DirectX è una collezione di API (Application Programming Interface) sviluppata da Microsoft per la gestione di grafica e multimedia nei sistemi Windows. In questo articolo, ci concentreremo sulle differenze tra DirectX 11 e 12, le due versioni più recenti di questa collezione di API.

DirectX 11: Cosa c’è di nuovo?

DirectX 11 è stato rilasciato da Microsoft nel 2009 come successore di DirectX 10.1. Questa nuova versione ha introdotto diversi miglioramenti, tra cui:

  • Miglior supporto per le tessere (tessellation): DirectX 11 ha introdotto un nuovo shader chiamato Hull Shader, che permette di generare una maggiore quantità di poligoni partendo da una mesh base. In questo modo, è possibile ottenere scene più dettagliate e realistiche.
  • Miglior supporto per le texture: DirectX 11 ha introdotto il supporto per le texture a doppia precisione (64 bit), che permettono di rappresentare immagini più dettagliate e di alta qualità.
  • Miglior supporto per la gestione della memoria: DirectX 11 ha introdotto il concetto di Resource Barrier, che permette di gestire in modo più efficiente la memoria della GPU.

Differenze tra DirectX 11 e 12

DirectX 12 è stato rilasciato da Microsoft nel 2015 come successore di DirectX 11. Questa nuova versione ha introdotto importanti miglioramenti, come:

  • Miglior supporto per la gestione della CPU: DirectX 12 permette di utilizzare in modo più efficiente le risorse della CPU, grazie alla possibilità di utilizzare più thread contemporaneamente.
  • Miglior supporto per la gestione della memoria: DirectX 12 ha introdotto il concetto di Resource Heap, che permette di gestire in modo più efficiente la memoria della GPU.
  • Miglior supporto per le tessere: DirectX 12 ha introdotto un nuovo shader chiamato Mesh Shader, che permette di generare una maggiore quantità di poligoni in modo più efficiente rispetto al Hull Shader di DirectX 11.

Inoltre, DirectX 12 ha introdotto un nuovo modello di programmazione chiamato Explicit Multiadapter, che permette di utilizzare più GPU contemporaneamente per ottenere prestazioni migliori.

A cosa serve DirectX 11: la guida completa

DirectX 11 è una libreria di API (Application Programming Interface) sviluppata da Microsoft per consentire ai programmatori di creare applicazioni grafiche avanzate per Windows. In questo articolo, esploreremo le nuove funzionalità introdotte in DirectX 11 e il loro impatto sulle prestazioni delle applicazioni.

Cosa c’è di nuovo in DirectX 11?

DirectX 11 introduce numerose funzionalità per migliorare le prestazioni e la qualità grafica delle applicazioni. Ecco alcuni dei miglioramenti più significativi:

Tessellation

La tessellazione è una tecnologia che consente di aumentare la densità dei poligoni in una mesh, migliorando la qualità grafica senza aumentare il carico di lavoro sulla GPU. In pratica, questo significa che gli oggetti 3D appariranno più dettagliati e realistici.

Compute Shader

La Compute Shader è una nuova funzionalità introdotta in DirectX 11 che consente di utilizzare la GPU per calcoli generali, oltre che per l’elaborazione grafica. Ciò significa che le applicazioni possono sfruttare la potenza di calcolo della GPU per eseguire operazioni non legate alla grafica, come la simulazione fisica o il calcolo scientifico.

Multi-threaded Rendering

DirectX 11 supporta il rendering multi-threaded, ovvero la possibilità di eseguire il rendering di una scena su più thread contemporaneamente. Questo consente di sfruttare al meglio i processori multi-core, migliorando le prestazioni delle applicazioni grafiche.

DirectCompute

DirectCompute è una funzionalità che consente di utilizzare la GPU per eseguire operazioni di calcolo ad alta intensità, come la simulazione fisica o la crittografia. Questa funzionalità è particolarmente utile per le applicazioni scientifiche o di elaborazione dati.

Conclusione

DirectX 11 introduce numerose funzionalità che migliorano le prestazioni e la qualità grafica delle applicazioni. La tessellazione, la Compute Shader, il rendering multi-threaded e DirectCompute sono solo alcune delle nuove funzionalità che rendono DirectX 11 un’opzione interessante per i programmatori che desiderano creare applicazioni grafiche avanzate per Windows.

Aggiornamento DirectX su Windows 11: Guida completa.

Con l’arrivo di Windows 11, Microsoft ha introdotto importanti aggiornamenti per la tecnologia DirectX. Questa guida completa ti aiuterà ad aggiornare DirectX sul tuo sistema operativo Windows 11.

Cosa è DirectX?

DirectX è una collezione di API (Application Programming Interface) sviluppate da Microsoft per gestire le funzionalità multimediali e grafiche sui sistemi operativi Windows. DirectX è stato introdotto per la prima volta nel 1995 e da allora è stato costantemente aggiornato per migliorare le prestazioni dei giochi e delle applicazioni multimediali su Windows.

Cosa c’è di nuovo in DirectX 11?

DirectX 11 è stato introdotto per la prima volta con Windows 7 e ha introdotto importanti miglioramenti nella grafica e nelle prestazioni dei giochi. Con DirectX 11, i giochi possono utilizzare tessellazione, shader di geometria e altre tecniche avanzate per creare immagini più dettagliate e realistiche.

Aggiornamento DirectX su Windows 11

Per aggiornare DirectX su Windows 11, segui questi passaggi:

1. Apri il menu Start e cerca “dxdiag”.
2. Seleziona “dxdiag” dall’elenco dei risultati della ricerca.
3. Nella finestra di dialogo “DirectX Diagnostic Tool”, seleziona l’opzione “Sì” per verificare se sono disponibili aggiornamenti online per DirectX.
4. Se sono disponibili aggiornamenti, segui le istruzioni per scaricare e installare gli aggiornamenti.

Conclusione

DirectX è una tecnologia fondamentale per i giochi e le applicazioni multimediali su Windows. Con Windows 11, Microsoft ha introdotto importanti miglioramenti per DirectX, che possono migliorare le prestazioni e la qualità grafica dei giochi. Seguendo questa guida completa, sarai in grado di aggiornare DirectX sul tuo sistema operativo Windows 11 e goderti al meglio i giochi e le applicazioni multimediali.

Come verificare la compatibilità della scheda video con DirectX 12

Con l’uscita di DirectX 12, molti appassionati di giochi e grafica sono ansiosi di sapere se la loro scheda video è compatibile con questa nuova versione di DirectX.

Per verificare la compatibilità della scheda video con DirectX 12, è necessario seguire alcuni semplici passaggi:

  1. Verificare la versione di Windows: DirectX 12 è disponibile solo per le versioni di Windows 10 e successive. Quindi, se si sta utilizzando una versione precedente di Windows, la scheda video non sarà compatibile con DirectX 12.
  2. Verificare le specifiche della scheda video: Per essere compatibile con DirectX 12, la scheda video deve supportare almeno la versione 11.1 di DirectX. Quindi, verificare le specifiche della scheda video per assicurarsi che supporti DirectX 11.1 o versioni successive.
  3. Verificare i driver della scheda video: È importante avere i driver più recenti della scheda video per garantire la compatibilità con DirectX 12. Verificare che i driver della scheda video siano aggiornati alla versione più recente.

Se la scheda video supporta DirectX 11.1 o versioni successive e ha i driver aggiornati, allora sarà compatibile con DirectX 12.

Per verificare la compatibilità della scheda video con DirectX 12, è necessario verificare la versione di Windows, le specifiche della scheda video e i driver più recenti.

DirectX 12 è una versione avanzata di DirectX che richiede una scheda video compatibile.

Per verificare la compatibilità della scheda video con DirectX 12, è necessario seguire alcuni semplici passaggi.

La scheda video deve supportare almeno la versione 11.1 di DirectX per essere compatibile con DirectX 12.

È importante avere i driver più recenti della scheda video per garantire la compatibilità con DirectX 12.

Fortnite Capitolo 5 Impostazioni guida! – Boost FPS, modalità daltonico e altro!

Fortnite Capitolo 5: guida alle impostazioni

Il tanto atteso Fortnite Capitolo 5 è finalmente arrivato e Epic ha completamente rivoluzionato il movimento nel gioco. Molte cose sono cambiate nel nuovo capitolo, inclusa l’interfaccia delle impostazioni. So che molti di voi stanno avendo problemi di prestazioni e FPS in questa nuova stagione, quindi sono qui per aiutarvi. Inizieremo analizzando tutte le vostre impostazioni in gioco, ottimizzando le opzioni del launcher di Fortnite e, cosa più importante, daremo alcuni consigli utili per migliorare il movimento su tastiera, mouse e console, cercando di renderlo meno goffo di quanto non sia attualmente. Epic non ha intenzione di cambiarlo, quindi assicuratevi di lasciare un mi piace, iscrivervi e utilizzare il codice jerion per il pass battaglia.

Il nuovo movimento in-game

Epic ha completamente rivoluzionato le animazioni dei giocatori in Fortnite utilizzando il motion matching e il procedural layering. Questo dovrebbe rendere le animazioni di gioco più fluide e fluide, ma come avrete sicuramente sperimentato voi stessi, questi cambiamenti fanno sembrare di giocare a Roblox quando si cerca di costruire. Inoltre, Epic ha twittato oggi riguardo ai cambiamenti di movimento, affermando che non hanno intenzione di apportare alcun aggiustamento per il momento, poiché tutti i cambiamenti che hanno apportato, come rendere la corsa e la velocità di movimento più lente, sono stati intenzionali. Quindi dobbiamo risolverlo da soli.

Per migliorare il movimento, la prima cosa da fare è andare nelle impostazioni, selezionare la scheda delle impostazioni della tastiera e passare alla sezione del movimento. Assicurarsi che le impostazioni togli-forzato e toggle-forzato in camminata siano disabilitate. A causa di un bug all’inizio della stagione, queste impostazioni possono sovrascrivere il tasto di sprint.

Per migliorare ulteriormente il movimento, passare alla scheda relativa a tastiera e mouse e attivare l’opzione per l’utilizzo di diagonali personalizzate. Impostare l’angolo diagonale in avanti su 70 o inferiore e l’angolo diagonale posteriore non toccarlo. L’angolo di sterzo controlla la modalità di sterzata a singola chiave. È possibile ottenere un movimento più fluido utilizzando queste impostazioni. Per ottenere il vero movimento originale (OG), è necessario giocare a una mappa creativa che utilizza l’equipaggiamento OG.

Per i giocatori su console, al momento non esiste un modo per correggere il movimento. Disabilare il toggle di sprint su console non aiuterà a modificare il movimento in nessun modo.

Impostazioni del launcher di Fortnite

Prima di affrontare le impostazioni in-game, è importante dedicare del tempo alle impostazioni del launcher di Fortnite. Nella sezione della libreria, cliccare sui tre punti accanto a Fortnite per accedere alle opzioni di installazione. Qui è possibile disabilitare le opzioni non utilizzate come “Salva il mondo” e “Texture ad alta risoluzione” per liberare spazio di archiviazione. Inoltre, assicurarsi di avere le opzioni “DirectX12 shaders” e “Pre-download streamed assets” abilitate per migliorare le prestazioni del gioco.

Impostazioni in-game

Nelle impostazioni video, utilizzare la modalità a schermo intero e disabilitare il VSync. Limitare i fotogrammi al di sopra del tasso di aggiornamento del monitor per ottenere il miglior risultato. Passare alla scheda “Qualità grafica” e impostare la risoluzione al 100%. Disattivare le opzioni di movimento dinamico e anti-aliasing e impostare la vista, le texture, gli effetti e il processamento post su basso.

Infine, per i giocatori con problemi di daltonismo, giocare con le impostazioni predefinite senza alcuna modalità daltonica può essere la migliore scelta. In alternativa, si può regolare la vibrance digitale nelle impostazioni Nvidia per ottenere colori più vivaci nel gioco.

Queste sono le migliori impostazioni che si possono utilizzare in Fortnite Capitolo 5 per migliorare le prestazioni e rendere il movimento più fluido. Assicuratevi di testarle e adattarle alle vostre preferenze per ottenere la migliore esperienza di gioco possibile.