Come abilitare la casella di ricerca legacy in File Explorer di Windows 10

In Windows 10, la casella di ricerca di File Explorer è stata aggiornata con una nuova interfaccia, che offre più opzioni di ricerca e suggerimenti. Tuttavia, alcuni utenti preferiscono ancora la vecchia casella di ricerca, chiamata “casella di ricerca legacy”, che è più semplice e immediata da usare. In questa guida, spiegheremo come abilitare la casella di ricerca legacy in File Explorer di Windows 10, in modo da poter scegliere l’interfaccia che preferite per la ricerca dei file e delle cartelle.

Guida completa: Come abilitare la ricerca su Windows 10

Se stai avendo difficoltà a trovare i file che stai cercando su Windows 10, potresti dover abilitare la funzione di ricerca del sistema operativo. La ricerca di Windows 10 è stata migliorata rispetto alle versioni precedenti, ma alcuni utenti preferiscono ancora la casella di ricerca legacy in File Explorer.

Ecco una guida completa su come abilitare la casella di ricerca legacy in File Explorer di Windows 10:

Passo 1: Apri il Registro di sistema

Per abilitare la casella di ricerca legacy, devi accedere al Registro di sistema di Windows 10. Premi contemporaneamente i tasti “Windows” + “R” sulla tastiera per aprire la finestra “Esegui”. Inserisci “regedit” nella casella di testo e premi “Invio” per aprire il Registro di sistema.

Passo 2: Naviga fino alla chiave di registro

Naviga fino alla seguente chiave di registro:

HKEY_CURRENT_USERSOFTWAREMicrosoftWindowsCurrentVersionExplorer

Se non esiste già, crea una nuova chiave chiamata “FolderTypes” sotto “Explorer”.

Passo 3: Crea un nuovo valore di registro

Clicca con il pulsante destro del mouse sulla chiave “FolderTypes” e seleziona “Nuovo” > “Valore DWORD (32 bit)”. Assegna al nuovo valore il nome “TopViewsIconSize” e imposta il valore su “0”.

Passo 4: Riavvia File Explorer

Per rendere effettive le modifiche, devi riavviare File Explorer. Premi contemporaneamente i tasti “Ctrl” + “Shift” + “Esc” sulla tastiera per aprire il Task Manager. Nella scheda “Processi”, cerca “Windows Explorer”, clicca con il pulsante destro del mouse su di esso e seleziona “Riavvia”.

Passo 5: Abilita la casella di ricerca legacy

Apri File Explorer e vai alla scheda “Visualizza”. Clicca sulla casella di controllo “Casella di ricerca legacy” per abilitarla.

Ora hai abilitato la casella di ricerca legacy in File Explorer di Windows 10!

Segui questi semplici passaggi per migliorare la tua esperienza di ricerca su Windows 10.

Guida SEO: Come Riattivare l’Indicizzazione del tuo Sito Web

Se hai notato un calo di traffico sul tuo sito web, potrebbe essere dovuto alla disattivazione dell’indicizzazione da parte dei motori di ricerca. In questo caso, è fondamentale riattivare l’indicizzazione del tuo sito web per aumentare la visibilità online.

Per farlo, segui questi semplici passaggi:

1. Verifica lo stato dell’indicizzazione del tuo sito web

Prima di tutto, devi verificare lo stato dell’indicizzazione del tuo sito web. Per farlo, accedi alla Search Console di Google e controlla se il tuo sito web è stato penalizzato o se ci sono altri problemi che impediscono l’indicizzazione.

2. Verifica il file robots.txt

Il file robots.txt è un file che indica ai motori di ricerca quali pagine del tuo sito web devono essere indicizzate e quali no. Verifica che il file robots.txt del tuo sito web non impedisca l’indicizzazione delle pagine che vuoi far indicizzare.

3. Aggiorna il contenuto del tuo sito web

I motori di ricerca tendono a indicizzare maggiormente i siti web con contenuti freschi e aggiornati. Aggiorna il contenuto del tuo sito web regolarmente per aumentare le possibilità di essere indicizzato.

4. Verifica la struttura del tuo sito web

La struttura del tuo sito web può influire sull’indicizzazione da parte dei motori di ricerca. Verifica che la struttura del tuo sito web sia ben organizzata e che le pagine siano collegate in modo logico.

5. Utilizza parole chiave pertinenti

Le parole chiave sono fondamentali per l’indicizzazione del tuo sito web. Utilizza parole chiave pertinenti nel contenuto delle tue pagine e nei titoli per aumentare le possibilità di essere indicizzato.

Seguendo questi semplici passaggi, potrai riattivare l’indicizzazione del tuo sito web e aumentare la visibilità online. Ricorda che l’indicizzazione è fondamentale per attirare traffico sul tuo sito web e per far conoscere i tuoi prodotti o servizi.

Articolo correlato:

Se stai cercando di abilitare la casella di ricerca legacy in File Explorer di Windows 10, segui questi passaggi:

1. Apri il Registro di sistema

Per aprire il Registro di sistema, premi contemporaneamente i tasti Windows + R, digita “regedit” e premi Invio.

2. Naviga fino alla chiave di registro “ComputerHKEY_CURRENT_USERSoftwareMicrosoftWindowsCurrentVersionExplorer”

Per navigare fino alla chiave di registro indicata, segui il percorso elencato sopra.

3. Crea una nuova chiave di registro denominata “SearchboxTaskbarMode”

Fai clic con il pulsante destro del mouse sulla cartella “Explorer” e seleziona “Nuovo” > “Valore DWORD (32 bit)”. Assegna alla nuova chiave di registro il nome “SearchboxTaskbarMode”.

4. Assegna il valore “0” alla chiave di registro “SearchboxTaskbarMode”

Fai clic con il pulsante destro del mouse sulla chiave di registro “SearchboxTaskbarMode” e seleziona “Modifica”. Nella finestra che si apre, assegna il valore “0” e premi OK.

Una volta completati questi passaggi, dovresti essere in grado di abilitare la casella di ricerca legacy in File Explorer di Windows 10.

Ricerca di file su Windows 10: ecco come trovare facilmente i contenuti

Se hai bisogno di trovare un file specifico sul tuo computer con Windows 10, non è necessario cercarlo manualmente tra tutte le cartelle e i documenti presenti. Invece, puoi utilizzare la funzione di ricerca integrata in Windows 10 per trovare i contenuti desiderati in modo rapido e facile.

Tuttavia, se hai recentemente aggiornato il tuo sistema operativo a Windows 10, potresti aver notato che la casella di ricerca in File Explorer ha subito un restyling. Alcuni utenti preferiscono ancora la vecchia casella di ricerca, nota come “casella di ricerca legacy”, perché è più semplice da usare e offre risultati più precisi.

Se sei uno di questi utenti, non devi preoccuparti: è possibile abilitare la casella di ricerca legacy in File Explorer di Windows 10 seguendo questi semplici passi:

  1. Apri File Explorer.
  2. Fai clic sulla scheda “Visualizza” nella barra del menu in alto.
  3. Seleziona “Opzioni” e poi “Cambia cartella e opzioni di ricerca”.
  4. Nella finestra di dialogo “Opzioni cartella”, fai clic sulla scheda “Ricerca”.
  5. In “Opzioni di ricerca avanzate”, seleziona l’opzione “Abilita la casella di ricerca legacy in File Explorer”.
  6. Fai clic su “Applica” e poi su “OK”.
  7. Riavvia File Explorer.

Dopo aver seguito questi passaggi, la casella di ricerca legacy dovrebbe essere abilitata in File Explorer. Questo ti permetterà di cercare facilmente i file e i contenuti che desideri senza dover utilizzare la nuova casella di ricerca.

Se preferisci la vecchia casella di ricerca, puoi abilitarla facilmente seguendo i passaggi sopra descritti. In questo modo, potrai trovare i contenuti che desideri in modo rapido e preciso.

Risoluzione problemi: la barra di ricerca di Windows 10 non funziona. Scopri come risolvere il problema!

Se sei un utente di Windows 10, sicuramente ti sarà capitato di avere problemi con la barra di ricerca del sistema operativo. Può succedere che la barra di ricerca non funzioni correttamente o addirittura non si apra. Se ti trovi in questa situazione, non ti preoccupare, ci sono diverse soluzioni che puoi provare per risolvere il problema.

Metodo 1: Riavvia il processo di Windows Explorer

Il primo metodo da provare è il riavvio del processo di Windows Explorer. Per farlo, segui questi passaggi:

  1. Passo 1: Apri il Task Manager di Windows 10 premendo contemporaneamente i tasti Ctrl + Alt + Canc.
  2. Passo 2: Cerca il processo di Windows Explorer e selezionalo.
  3. Passo 3: Fai clic sul pulsante “Riavvia” in basso a destra.
  4. Passo 4: Attendi che il processo di Windows Explorer venga riavviato e controlla se la barra di ricerca funziona correttamente.

Metodo 2: Disabilita la ricerca Bing

Il secondo metodo consiste nel disabilitare la ricerca Bing. Questa soluzione ha risolto il problema per molti utenti di Windows 10. Ecco come fare:

  1. Passo 1: Apri le Impostazioni di Windows 10 premendo il tasto Windows + I.
  2. Passo 2: Fai clic su “Cortana” e poi su “Ricerca” nella barra laterale sinistra.
  3. Passo 3: Seleziona “Non cercare online e limitati solo ai miei file” sotto “Modalità di ricerca”.
  4. Passo 4: Chiudi le Impostazioni e controlla se la barra di ricerca funziona correttamente.

Metodo 3: Abilita la casella di ricerca legacy in File Explorer

Il terzo metodo consiste nell’abilitare la casella di ricerca legacy in File Explorer di Windows 10. Questa soluzione ha risolto il problema per molti utenti di Windows 10. Ecco come fare:

  1. Passo 1: Apri il File Explorer di Windows 10.
  2. Passo 2: Fai clic sulla scheda “Visualizza” nella barra del menu in alto.
  3. Passo 3: Fai clic sulla casella di controllo “Casella di ricerca” nella sezione “Layout”.
  4. Passo 4: Chiudi il File Explorer e controlla se la barra di ricerca funziona correttamente.

Conclusione

Speriamo che uno di questi metodi ti abbia aiutato a risolvere il problema della barra di ricerca di Windows 10. Se il problema persiste, ti consigliamo di contattare il supporto tecnico di Microsoft per ulteriori assistenza.

Contenuto: nel articolo di oggi ti mostrerò come risolvere il problema di non poter digitare nella barra di ricerca di Windows 10. Se apro il menu Start e provo a cercare qualcosa, come ad esempio “test”, potrai probabilmente sentire la mia tastiera, ma non mi permette di digitare nulla. Quindi non posso cercare nel mio computer utilizzando il menu Start, il che è molto frustrante.

La prima cosa da fare per cercare di risolvere questo problema è semplicemente riavviare il computer. Potresti aver già provato questo, ma riavviare il computer darà a Windows 10 quel rinfresco di cui ha bisogno, che sperabilmente risolverà il problema perché potrebbe essere solo un servizio di Windows bloccato e potrebbe essere risolto riavviando il computer e verificando se il problema si è risolto.

Se riavviare il computer non ha risolto il problema, il passo successivo è assicurarsi che Windows 10 sia aggiornato. Per fare questo, fai clic con il tasto destro sull’icona del menu Start, quindi fai clic su “Impostazioni”. Fai clic su “Aggiornamento e sicurezza” e infine su “Verifica disponibilità aggiornamenti”. Se sono disponibili aggiornamenti, lascia che Windows li installi. Se c’è anche un aggiornamento di qualità opzionale disponibile, scaricalo e installalo, potrebbe aiutare a risolvere il problema.

Se non riesci ancora ad aprire il menu Start e a cercare, il passo successivo è tornare alla sezione “Impostazioni” di Windows e fare clic su “Risoluzione dei problemi”. Fare clic su “Altri risolutori di problemi” e scorrere fino a “Ricerca e indicizzazione”. Fare clic su questo e successivamente su “Esegui la risoluzione dei problemi”. Questo cercherà di individuare eventuali problemi. Selezionare l’opzione in alto che dice “Impossibile avviare una ricerca o visualizzare i risultati”, quindi premere “Avanti”. Verificherà se può trovare eventuali problemi e se dice che la ricerca di Windows non funziona, premere “Prova queste riparazioni come amministratore”. Selezionare di nuovo l’opzione in alto “Impossibile avviare una ricerca o visualizzare i risultati” e premere “Avanti”. Cercherà di risolvere il problema e se dice “Riparato”, è fantastico, è possibile chiudere questo e aprire il menu Start per vedere se è possibile digitare.

Se il problema non è stato risolto, il passo successivo è fare clic con il tasto destro sulla barra delle applicazioni e aprire il “Task Manager”. Fare clic su “File” e quindi su “Esegui nuova attività”. Digitare “msconfig” e fare clic su “Crea questa attività con privilegi di amministratore” e successivamente su “OK”. Passare alla scheda “Servizi” e fare clic su “Nascondi tutti i servizi Microsoft”. Disabilitare tutti questi servizi e fare clic su “Applica” e riavviare il computer. Assicurarsi di non disabilitare servizi come l’antivirus. Riavviare il computer e verificare se la barra di ricerca funziona.

Se il problema persiste, torna al Task Manager, ma questa volta fare clic su “Avvio”. Passarci attraverso e disabilitare tutto ciò che non è necessario all’avvio di Windows. Riavviare il computer e verificare se la barra di ricerca funziona ancora. Un programma in conflitto potrebbe causare questo problema.

Se ciò non ha aiutato, aprire l’Esplora File e andare nel disco C, nella cartella “Windows” e quindi nella cartella “system32”. Trovare il file chiamato “ctfmo”. Fare doppio clic su questo file. Verificare se è possibile aprire il menu Start e cercare. Se funziona, riavviare il computer per confermare che il problema sia stato risolto. In caso contrario, è possibile creare un collegamento al file sul desktop. Fare clic destro sul file, fare copia e incollarlo come collegamento sul desktop. Questo dovrà essere eseguito manualmente finché Windows non rilascia un aggiornamento per risolvere il problema.

Se il problema persiste, fare clic con il tasto destro sulla barra delle applicazioni e aprire il Task Manager. Fare clic su “Servizi” e quindi su “Apri servizi”. Digitare “t” ovunque e trovare il servizio “Time Broker”. Aprirlo e verificare che sia abilitato e in esecuzione. Se non lo è, riabilitarlo. Per farlo, aprire nuovamente il Task Manager, quindi fare clic su “File” e “Esegui nuova attività”. Digitare “reg” e selezionare la casella per eseguirlo come amministratore. Espandere “HKEY_LOCAL_MACHINE”, quindi “system”, “current control set”, “services”. Fare clic su una casella a caso, quindi premere “t”. Trovare “timebrok” e fare doppio clic su “start”. Cambiare il valore in “2” e premere “OK”. Riavviare il computer.

Questi sono i passaggi da seguire per risolvere il problema della barra di ricerca di Windows 10. Se non sei ancora in grado di cercare, l’unica altra opzione è ripristinare Windows 10.